giovedì 5 marzo 2015

Ravioli dolci friulani



Ecco un’altra “perla” che si aggiunge al capitolo “Le ricette delle amiche della mamma”. Inutile dirlo, uno dei miei preferiti. Adoro quando mi passano fotocopie di ricette, mi mandano email o, ultimamente, dei WhatsApp con le foto delle ricette direttamente dal ricettario di famiglia, spesso scritte a mano dalle loro mamme o nonne… Un patrimonio da salvaguardare e tramandare. Dopo gli ottimi biscottini siciliani ai fichi secchi di Rosy e Rosa (qui), i Papassinos sardi di Vittorina (qui) e la Torta di riso e amaretti bolognese di Marisa (qui), saltiamo in Friuli Venezia Giulia, regione che conosco poco ma che è una delle mete che vorrei esplorare (in particolare, vorrei tornare nella splendida Trieste, città in cui sono stata di passaggio mille anni fa e che mi incuriosisce parecchio anche dal punto di vista culinario). Urge gita al più presto! Tornando alla ricetta di oggi, ringrazio di cuore Mariagrazia, carissima amica di famiglia, friulana doc, che ci ha fatto assaggiare questi ravioli dolci (o calzoni) nel periodo di Carnevale. Me ne sono letteralmente innamorata e ho provato a rifarli la scorsa domenica: squisiti, con quei tipici sapori dei dolci mitteleuropei (marmellata, cacao, pinoli, uvette…). Ah, la ricetta di Mariagrazia prevede la marmellata di ciliegie: io li ho provati anche con la marmellata di fichi e ho apprezzato entrambe le versioni! Per la pasta dei ravioli ho seguito più o meno la ricetta delle chiacchiere, aggiungendo, su suo suggerimento, il lievito. Che dire: buonissimi! La prossima volta proverò a cuocerli nel forno: chissà...

Ravioli dolci friulani

Ingredienti:

Per la pasta:
4 uova
5 cucchiai di zucchero
6 cucchiai di olio extra vergine di oliva delicato
500 g di farina
6 g di lievito per dolci
mezzo bicchiere di vino bianco secco

Per il ripieno:
200 g di biscotti secchi
1 vasetto di marmellata (per noi Fiordifrutta Ciliegie Rigoni di Asiago)
cacao amaro
1 limone biologico
50 g di mandorle
30 g di pinoli
3 cucchiai di uvette
rum

olio di semi d’arachide (per friggere)
zucchero a velo

Per la pasta: creare la classica fontana con la farina, inserire le uova, l’olio, lo zucchero, il lievito (setacciato) e il vino (non mettetelo tutto ma regolatevi in base alla consistenza dell’impasto). Impastare in modo classico, prima con la forchetta, poi con le mani, aggiungendo farina se l’impasto dovesse risultare troppo morbido (o altro vino se fosse troppo duro). Formare una palla e lasciarla riposare coperta per 15 minuti.
Per il ripieno: sbriciolare i biscotti secchi grossolanamente, metterli in una ciotola e aggiungere la marmellata, circa tre cucchiai di cacao amaro, le mandorle spezzettate, i pinoli, una grattata di scorza di limone, il rum (mezzo bicchierino) e le uvette tenute a mollo in acqua tiepida e ben strizzate. Mescolare bene e tenere da parte.
Stendere l’impasto con la macchinetta fino al penultimo livello o il precedente (non troppo sottile) oppure con il matterello. Con un coppapasta zigrinato ricavare dei cerchi, porre il ripieno al centro (a mucchietto), e richiudere la pasta per “avvolgere” completamente il ripieno, formando delle mezzelune. Premere bene per chiudere i ravioli, picchiettando i bordi. Friggere i ravioli in abbondante olio bollente finché risultano dorati. Servire spolverizzando con zucchero a velo.



9 commenti:

  1. Deliziosa anche questa ricetta.
    Il blog è anche questo, una raccolta di ricette che altrimenti rischierebbero di andare perse.
    Manca anche a me una conoscenza più approfondita del Friuli, devo rimediare. Bei posti ed ottima cucina.

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Fabio e Annalu: organizziamo una gita in Friuli! ;.)

    RispondiElimina
  3. Ahhhh le ricette delle amiche della mamma!!!! sono sempre una Garanzia!!!!!
    Ho un amico friulano e infatti conosco questo dolcetto.... mi segno la ricetta, grazie :*

    RispondiElimina
  4. no no, non sono tipo buonissimi da dare dipendenza.. no no :-)! fantastici!

    RispondiElimina
  5. eh si si si...creano davvero dipendenza...;-)

    RispondiElimina
  6. Ricetta molto interessante, chissà che buoni!

    RispondiElimina
  7. woooooooooow!! una vera prelibatezza!!!

    RispondiElimina
  8. Quanto sono golosi, e quanto sono farciti... che bontà!!!!

    RispondiElimina
  9. e io sono qui che vi aspetto caramboline insieme ai dolci triestini ! Un bacione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...