lunedì 2 febbraio 2015

Pandolce allo yogurt con avena, cocco e quinoa


Continuiamo il capitolo dei "dolci da colazione", uno dei nostri preferiti. Stavolta, ragazzi, ci siamo proprio! Dopo l’esperimento riuscitissimo del Cake integrale con yogurt all’orzo e mandorle (qui), mi sono lasciata tentare da una ricetta scoperta sul bel libro “Di farina in farina” di Marianna Franchi, edito da Guido Tommasi Editore: delizioso. Mi ha fatto compagnia durante una domenica trascorsa pigramente a casa. Adoro queste giornate di stacco, da dedicare completamente al relax e agli esperimenti in cucina. Il libro “divaga” con delicatezza e bellissime immagini tra tutte le farine alternative alla “00”, vale a dire quella di amaranto, avena, farro, kamut, grano saraceno, ecc., tutte utilizzate per dolci, pane, pasta o per le basi delle torte salate. Mi sono divertita molto a fare questo pandolce, che ho dovuto modificare in base agli ingredienti presenti nella mia dispensa. A cominciare proprio dalla farina, dal momento che ho utilizzato una Petra 5 Molino Quaglia per torte e biscotti (farina di grano tenero ottenuta dalla macinatura a pietra) al posto della farina di miglio e di kamut previste nella ricetta originale. Poi, ho aggiunto dei semini di quinoa poiché non avevo abbastanza avena e ho usato vino cotto al posto della grappa. Inoltre, l’autrice aggiunge alla fine anche un etto di mirtilli rossi, che io ho dovuto omettere completamente. In ogni caso, prova “dolce da colazione” superata alla grandissima: che buono! L'unica "critica" che è stata fatta a questo cake riguarda le scaglie di cocco: io le adoro ma qualcuno ha suggerito che forse è meglio frullarle per renderle meno... "invadenti". De gustibus...

Pandolce allo yogurt con avena, cocco e quinoa

Ingredienti:

220 g di farina Petra 5
2 uova
130 g di zucchero integrale bio
80 g di olio extra vergine di oliva
40 g di fiocchi di avena
40 g di cocco in scaglie
30 g di semi di quinoa
150 g di yogurt alla vaniglia
4 cucchiai di vino cotto marchigiano
1 cucchiaino di estratto naturale (liquido) di vaniglia
1 bustina di lievito per dolci (11 g)
Sale

Scaldare il forno a 180°. Imburrare e infarinare uno stampo da plumcake (da 26 cm di lunghezza). In una ciotola, sbattere con le fruste elettriche lo zucchero e le uova, finché il composto risulta spumoso. Versare a filo l’olio, lo yogurt, un pizzico di sale e mescolare bene. Aggiungere anche il cocco in scaglie, i semi di quinoa e i fiocchi di avena, il vino cotto e l’estratto di vaniglia. Per ultima la farina, setacciandola mano a mano insieme al lievito. Versare l’impasto nello stampo e infornare per circa 45 minuti, finché la superficie del dolce risulta dorata (fare la prova stecchino). Sfornare e lasciar raffreddare il pandolce su una grata.



7 commenti:

  1. de gustibus....c'e' sempre chi trova il difettuccio ma ci sta. adoriamo i dolci da colazione che per noi vanno bene per tutta la giornata. buon lunedi'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per noi...con un bel té all'ora della merenda, per esempio... ;-)

      Elimina
  2. vero è c'è sempre qualcuno che ha qualcosa da ridire: buono però...
    e va beh, chissene, a me piace il cocco in scagliette che puoi masticare sotto i denti e poi vuoi mettere queste 'lineette' che si vedono al taglio? Favolose!
    :*
    Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Claudia! Anche l'occhio vuole la sua parte...Un abbraccio ;-)

      Elimina
  3. anche forse non metterei le scaglie perchè non mi fanno impazzire ma per il resto direi che è una super colazione

    RispondiElimina
  4. L'aspetto estetico è molto carino ed originale, come immagino anche il gusto.

    Fabio

    RispondiElimina
  5. Ragazze mi avete fatto una bellissima sorpresa! Un abbraccio!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...