venerdì 31 gennaio 2014

Torta di riso e amaretti


Riprendiamo la routine. E finalmente riusciamo a riaccendere anche il forno! La cucina torna ai soliti ritmi, con il giusto tempo da dedicare anche alle torte, che poi sono la cosa che tutti noi amiamo di più fare. O no? Se poi sono quelle belle torte con una storia, con un’anima, una tradizione ecco che la casa si scalda come non mai. Come se lo sapesse che non si tratta di un dolce “qualsiasi”. A me è successo di recente con la torta di riso e amaretti, un dessert tipico della zona di Bologna. La ricetta infatti è della carissima Marisa, un’amica di famiglia (lei abita a San Lazzaro di Savena), che l’ha gentilmente passata a mia mamma (la ringrazio pubblicamente per questo!) e che io ho rifatto…innamorandomene. Questione di profumi, di consistenze, di impasto, di sapore. Non saprei dire cosa mi ha conquistata maggiormente di questo dolce. Forse tutto insieme. Per tutti questi motivi abbiamo pensato che sia la torta ideale con la quale partecipare al Contest di Ambra di Un gattoghiotto, “Dans la croyance”, dedicato alle torte da forno e da credenza (forse "credenza" anche nel senso di "credenza popolare" e quindi dolci basati su "ricette tramandate"...noi labbiamo letto il tema del Contest anche così). Bene: anche noi “carambole” amiamo questo tipo di dolci, spesso ricette di famiglia, quindi ricette senza tempo, senza mode, senza “grilli per la testa”. Semplici ed eterne…Da tutelare e tramandare...
(simona)

Torta di riso e amaretti di Marisa

Ingredienti

1 l di latte
100 g di riso originario o Roma
50 g di cedro candito
150 g di mandorle
4 uova
100 g di amaretti
1 limone bio
1 stecca di vaniglia
1 manciata di chicchi di caffè
liquore all’amaretto

Far bollire il latte con il riso, lo zucchero, la buccia del limone, i chicchi di caffè, e i semini della vaniglia, a fuoco dolcissimo, per circa due ore. Quando è freddo, eliminare la buccia del limone e i chicchi di caffè, aggiungere gli amaretti tritati finemente, il cedro a pezzetti e le mandorle spezzettate grossolanamente. Mescolare e aggiungere anche le uova (sbattute a parte con uno sbattitore elettrico). Imburrare e infarinare accuratamente una teglia preferibilmente quadrata e versarvi il composto, infornare a 180° per circa un’ora. Sfornare e spruzzare con liquore all’amaretto (regolatevi a occhio). Servire la torta tagliandola a cubotti. Si conserva perfettamente nella credenza di casa per qualche giorno...

Con questa ricetta partecipiamo al dolcissimo Contest della cara Ambra di Un gattoghiotto, “Dans la croyance”:

 

15 commenti:

  1. Mai sentito questo dolce...sara' buonissimo!!!!Ottima idea!!!buon we

    RispondiElimina
  2. Una ricettina decisamente interessante, grazie!!

    RispondiElimina
  3. Diferente mas com muito bom aspecto, uma delicia certamente.

    Beijinhos

    RispondiElimina
  4. Ciao! non conoscevamo questo dolce bolognese, ma ci sembra proprio da provare: contrasto marcato tra amaretti e cedro candito, addolciti dal semplice riso....intrigantissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. una dolce novità che non disdegneremo di assaggiare!!!

    RispondiElimina
  6. dolci di casa, sapori di famiglia, in poche parole i migliori ! Buona domenica, un bacione!

    RispondiElimina
  7. Eccomi ragazze!! Grazie davvero! E' molto molto interessante questa proposta...assolutamente da provare! Grazie per aver partecipato, mi ha fatto davvero piacere! Bacioniiii!

    RispondiElimina
  8. Miiiii quanto adoro le torte di riso....e questa con gli amaretti cosa devo fare? Mi strapperò i capelli fino a che non l'avrò fatta! Golosissima.
    Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  9. Have you ever considered about including a little bit more than just
    your articles? I mean, what you say is fundamental and
    all. But think of if you added some great pictures or video clips to give your posts more, "pop"!

    Your content is excellent but with images and clips, this
    website could definitely be one of the best in its niche.
    Excellent blog!

    Here is my web page ... new jersey seo services

    RispondiElimina
  10. Wow that was odd. I just wrote an incredibly long comment but after I clicked submit my comment
    didn't show up. Grrrr... well I'm not writing all that over again. Regardless,
    just wanted to say great blog!

    Take a look at my web blog :: aptamil formula usa

    RispondiElimina
  11. My developer is trying to convince me to move
    to .net from PHP. I have always disliked the iddea because of
    the costs. But he's tryiong none the less.
    I've been using WordPress on numerous webhsites for about a year and am nervous about switching
    to another platform. I have hdard excellent things about blogengine.net.Is there a way I
    can transfer all my wordpress posts into it? Any help would be greatly appreciated!



    my web site wood frame garage kits (www.marspedia.org)

    RispondiElimina
  12. I want to to thank you for this excellent read!! I definitely enjoyed every bit of it.
    I have you book marked to check out new stuff you post…

    Here is my web page: Fun Date Ideas In Georgia

    RispondiElimina
  13. Also known as Condyloma, the genital wart is a sexually transmitted disease giving rise to wart shape
    bumps on the sexual organs. Conventional treatments (which means a trip to the doctor
    or dermatologist) work when it comes to safely removing
    a plantar wart. Although they are mostly out of sight,
    these warts can cause you some discomfort from the
    wart rubbing.

    Feel free to surf to my web site: review of wartrol

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...