martedì 14 maggio 2013

Sbrisolona della Nonna Franca



Amarcord. Oggi và così. Voglia di pensare al passato. A quelle belle ricette di famiglia, che quando eravamo bambine pensavamo esistessero solo “quelle” e di cui solamente da grandi riusciamo a comprendere il valore, immenso, che racchiudono. Per me la Sbrisolona, tipico dolce lombardo, è la torta del cuore. Me la faceva spesso mia nonna Franca (mantovana): è una torta dal sapore antico (forse per la presenza della farina gialla…non so…), che si conserva a lungo nella credenza, è dura come il marmo ma di un buono pazzesco! La sbrisolona mi ricorderà sempre la mia infanzia e le sono affezionata in modo particolare: ecco perché un dolce del genere non può mancare tra le ricette dell’Albero della Carambola (in particolare dopo aver assaggiato, proprio di recente, la versione très chic di questa torta firmata da Claudio Sadler, che la serve accompagnata da una golosa crema di zabaione). Bene: finito lo spazio amarcord, aggiungo solo che questa torta si conserva anche a lungo, a pezzetti, ben chiusa in una scatola di latta. È buona servita con il caffè ma anche con un bicchiere di vino bianco dolce e fresco (un Verduzzo fruttato o un Vin Santo), quando si hanno ospiti improvvisi: un gesto retrò che personalmente…adoro. Un’idea golosa per un fine pasto? La suggerisce la zia di Sonia, la mitica zia Gianna: si scalda la sbrisolona brevemente con il microonde e la si serve con una pallina di gelato alla vaniglia o fiordilatte. Vi consiglio di provare…
(simona)

Sbrisolona della Nonna Franca

Ingredienti:
250 g di farina 00
150 g di farina gialla
200 g di mandorle con la pelle (più una decina per decorare)
180 g di zucchero integrale bio
180 g di burro morbido
2 tuorli
1 limone bio
2 cucchiai di zucchero a velo o semolato (per decorare)

Accendere il forno (180°). Tritare grossolanamente le mandorle in un mixer. Porre la farina 00 a fontana in una terrina molto capiente, aggiungere la farina gialla (setacciata), lo zucchero, le mandorle tritate, i tuorli e  la scorza del limone grattugiata. Mescolare gli ingredienti e aggiungere il burro ammorbidito, lavorando brevemente l’impasto, che dovrà risultare granuloso (è questa la particolarità del dolce). Imburrare bene una tortiera (meglio se usa e getta) e far cadere l’impasto senza “legarlo” troppo. Completare con le mandorle intere. Infornare e far cuocere la sbrisolona per 45-50 minuti. Togliere dal forno e, una volta fredda, spolverizzarla con zucchero a velo o semolato.

12 commenti:

  1. ogni tanto c'è bisogno di assaggiare quelle cose che ti riportano al passato.. la sbrisolona è adorabile.. io a forza di pezzetti la mangerei tutta, manca questa ricetta nel mio archivio, ora la salvo!! grazie un bacio

    RispondiElimina
  2. I piatti di famiglia sono sempre i più buoni, inutile negarlo.

    RispondiElimina
  3. la adoro.. troppo buona in ogni momento della giornata...

    RispondiElimina
  4. la adoro anche in veneto si usa un sacco!

    RispondiElimina
  5. buonissima..sai che non sono abituata a falrla ma devo assolutamente rimendiare..

    RispondiElimina
  6. Le ricette di famiglia sono sempre un successo assicurato! Mi segno anche la vostra versione...un bacione!

    RispondiElimina
  7. sono fermamente convinta che mi piace (mai assaggiata prima ad opra la sbrisolsona anche se l'ho vista in vari blog..); La segno con piacere e un giorno la preparo ;) a mio ragazzo piacciono i dolci "biscottosi".. lo so che non si può dire :p.. Buona serata !!!

    RispondiElimina
  8. Simo, hai un tempismo perfetto! Perche' il mio cucciolo a scuola deve fare una presentazione sulla Lombardia e mi chiedeva di preparargli un dolce tipico...io avevo immediatamente pensato alla sbrisolona, ma non ho ricette "ruspanti"! Cioe'...non l'avevo fino ad oggi!
    Quindi grazie...preparero' la sbrisolona della nonna Franca!
    Un abbraccio!
    Paola

    RispondiElimina
  9. alcuni dolci hanno un valore aggiunto in più ci riportano a persone care e situazioni di vita che sono indelebili

    RispondiElimina
  10. adoro le ricette del ricordo...e concordo pienamente con Gunther qua sopra...anche per me ha un valore aggiunto!
    te ne posso rubare una fetta?! ;)

    RispondiElimina
  11. Questa ricetta "SA' PROPRIO DA FARE" ;-)

    bacioni

    RispondiElimina
  12. Simo....l'ho fatta!!!! Non e' buona....e' eccezionaleeee!!!!
    Non l'ho ancora pubblicata ma volevo ringraziarti tantissimo. Hai salvato la ricerca di geografia di mio figlio...ti spieghero'!
    E ovviamente la rifaro' quanto prima... :-)

    Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...