giovedì 11 aprile 2013

Panforte con capesante e crema di formaggio


Ieri sera dopo due eventi di lavoro sono andata a cena con alcuni colleghi. Sono persone che frequento solo  in ufficio quindi non c'è una vera amicizia. Non conosco i loro interessi e loro non conoscono le mie passioni. Abbiamo parlato di tante cose con inevitabili scivolate sul lavoro (purtroppo) ma il gran finale si è attestato sull'argomento cucina. Per una sera ho ascoltato senza intervenire troppo e senza svelare la mia forte passione per cibo, ristoranti e ristoratori...ero molto stanca. E' stato però  utile e divertente capire cosa ne pensano le persone attorno a me del fenomeno del momento di cui io inevitabilmente faccio parte. Ebbene, tutti si lamentavano del fatto che ormai invitare a cena  o essere invitati stia diventando uno stress da performance. Se non prepari almeno un piatto da stella Michelin sei uno sfigato, se non annusi il bicchiere di vino commentando con sicurezza sei il re degli ignoranti! E preoccupati si chiedevano se esistesse ancora qualcuno in grado di preparare una bella cotoletta, il classico arrosto con le patate delle mamme o semplicemente una divina pasta con il pomodoro. Ho ascoltato le lamentele di tutti, e mentre rientravo a casa riflettevo. Ho visto amici trasformare il loro desco da prodotti pronti e confezionati  a ricette da gran gourmet nel giro di pochi mesi. Ben venga lo stimolo a migliorare ma  si è perso di vista l'essenziale? Oppure questo è il futuro? Cosa ne pensate? Mentre mi pongo il dubbio vi propongo un abbinamento non da tutti i giorni e che i miei colleghi di certo non approverebbero. Come seconda ricetta per il progetto Crea, mescola, osa e realizza la tua ricetta con Sapori di Sienaho utilizzato il Panforte abbinandolo ad una crema di formaggio con erba cipollina e capesante. Sapore insolito, particolare, ben gradito dai miei ospiti come aperitivo!
Sonia


Panforte con capesante e crema di formaggio


Ingredienti: 

una confezione di Panforte
1 o 2 capesante senza guscio a persona
erba cipollina
1 confezione di formaggio spalmabile (io ho travato il camembert ma va benissimo un altro tipo)
peperoncino
olio

Tagliate dei piccoli cerchi di Panforte (impresa non facile ma si può fare), scottate le capesante in padella con un pò di olio. Mescolate la crema di formaggio con l'erba cipollina e spalmatela sui cerchi di Panforte. Adagiate le capesante e cospargete con un pò di peperoncino.

7 commenti:

  1. wow.. molto chic, complimenti...

    RispondiElimina
  2. io invece mi chiedo sempre..perchè nessuno mi invita a cena?temono il mio giudizio ma a me interessa la compagnia ...uff...interessante l'abbinamento!

    RispondiElimina
  3. Io invece sono perfetta per la cotoletta e l'arrosto con le patate, evito i ristoranti troppo raffinati ma preferisco di gran lunga le trattorie di buon comando che mi regalano sempre delle piacevole sorprese :-) Questo piatto ragazza mia è da primo premio, mai avrei pensato ad un abbinamento del genere ma siccome di te mi fido immagino la sua bontà! Baci

    RispondiElimina
  4. Questo tipo di ansia di di prestazione tesoro non mi appartiene:D io amo i cibi semplici genuini e soprattutto tradizionali...vuoi mettere una bella fetta di lasagna con quei piatti striminziti pieni di intingoli sconosciuti che a volte ti servono in ristoranti stellati?? Certo amo l'innovazione e sono curiosa di scoprire nuovi accostamenti ma chi viene a cena da me sa mangerà in modo semplice che poi è sempre la scelta vincente, secondo me :-)!!!
    Per esempio il piatto che ci presenti Sonia è davvero deliziosi fattibile e molto scenografico...ecco questo fa di un piatto uan scelta vincente!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  5. Un piatto di sicuro effetto ma facile da fare!!!

    RispondiElimina
  6. a me l'abbinamento dolce/salato piace, anche io ho fatto delle ricette che potevano sembrare "pazze" perchè ho abbinato il panettone al salato...de gustibus...io credo che ognuno di noi, buongustaio, ogni tanto deve regalarsi queste prelibatezze, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. bè in generale forse si sta un pò esagerando ma chi può sapere qual'è la strada giusta...forse arriveremo agli estremi per poi tornare alla cotoletta della nonna ;)
    in ogni caso questa ricetta mi ispira un sacco!!!!!!
    Bravissima come sempre ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...