lunedì 25 febbraio 2013

La pizza rossa



Ho sempre avuto un pessimo rapporto con i lievitati, una sorta di amore e odio, o meglio il timore di affrontarli in cucina. Tutto ciò deriva dal fatto che non ho mai imparato a trattarli, non ho mai fatto un corso e non ho ereditato ricette di famiglia di questo genere. Ma li mangio eccome! E proprio per questo capisco la differenza tra un prodotto artigianale e non e conosco il valore di un prodotto di alto livello. Quindi mi sembrava giunto il momento di imparare qualcosa al riguardo e non ho avuto nessun dubbio sulla scelta del corso. Devo dire grazie a Paoletta e Adriano per lo splendido corso sui lievitati pasquali che si è svolto a Milano qualche settimana fa. Sono riuscita finalmente a fare pace con i tanto temuti lievitati e mi sono affezionata agli impasti. Nell'attesa del prossimo appuntamento, mi sto tenendo in allenamento e sono felice di essere riuscita a tenere in vita il tanto temuto lievito madre. Vi propongo questa ricetta che ho preso direttamente dal mitigo blog di Paoletta Anice e Cannella. L'esperimento della pizza è riuscito, e il complimento più bello l'ho ricevuto dalla mia amica Federica che assaggiandone una fetta ha pensato alla nonna pugliese! Meglio di così non poteva andare.
Sonia



LA PIZZA ROSSA 

Ingredienti:

400 gr di farina 0
300 ml di acqua
16 gr di olio (2 cucchiai)
8 gr di fiocchi di patate (1 cucchiaio) quelli per il purè istantaneo
5 gr di sale (1 cucchiaino)
5 gr di malto, in mancanza miele o zucchero (1 cucchiaino raso)
10 gr di lievito
pomodorini in scatola
olio evo
sale
origano


Procedimento:
Mettere la farina, i fiocchi di patate, il sale, tutto in una grossa ciotola.
Versare tutta l'acqua, dove si è precedentemente fatto sciogliere per 10' il lievito e lo zucchero e subito l'olio poi  mescolare velocemente. 
Coprire con pellicola e mettere in frigorifero per circa 20/24h.

Tirar fuori l'impasto dal frigorifero e lasciarlo a temperatura ambiente per 2 ore.

Dopodiché rovesciarlo sulla spianatoia ben spolverata di farina di grano duro, spezzare in due e dare ad ogni pezzo le pieghe di Adriano quelle del primo tipo.
Lasciar riposare coperto con un panno umido per circa 20 minuti.

Ungere 2 teglie tonde (le mie sono di 26 cm di diametro) e stendervi l'impasto.

Condite con il pomodoro, il sale e l'origano  e lasciar riposare ancora mentre il forno raggiunge la massima temperatura. Dopodiché infornate in forno caldissimo, ventilato a 250° finché la pasta non diventa croccante.




18 commenti:

  1. tu mi vuoi male a quest'ora vero? ;)
    bellissima anche la foto!

    RispondiElimina
  2. Ho avuto la fortuna di assaggiarla a casa di Sonia: davvero delicious!!!!
    simo

    RispondiElimina
  3. Per me è la stessa cosa quando si parla di lievitati...mi sà che dovrò fare un corso anch'io, perchè questa pizza è una meraviglia :)

    buona giornata

    RispondiElimina
  4. sei stata bravissima, è una vera delizia! Un bacione

    RispondiElimina
  5. anche a me hanno cambiato la vita loro due!!! e questa pizza la faccio sempre ma con tanta mozzarella!!

    RispondiElimina
  6. Questa pizza é favolosa e con due maestri cosi!! Comunque prendo subito l a ricetta e complimenti l`aspetto é divino!! Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  7. la adorooooooooooooooo!!! bravissima, è perfetta!!!

    RispondiElimina
  8. Buona e leggera...una delle mie preferite...bacioni

    RispondiElimina
  9. Anch'io la faccio sempre ed ogni volta è un successo!!!! Bellissima anche la vostra! Ne rubo una fetta!!!!!

    RispondiElimina
  10. Sento un profumino... sarà la tua pizza rossa? Evidentemente!
    Che deliziaaaa....non posso resistere...quei pomodorini e la tua pizza mi chiamanoo! Bravissima, ottima ricetta :*
    Ciao,
    Incoronata.

    RispondiElimina
  11. Davvero perfetta.Bravissima.
    Ciao,Fausta.

    RispondiElimina
  12. anche io coi lievitati sono sempre un pò in ansia...mi piacerebbe fare un bel corso come si deve, ma il tempo non c'è mai...
    La tua pizza mi sembra una favola, anche se devo essere sincera, io sopra ci adoro chili di mozzarella, ahahahah!
    Un abbraccio grandissimo!

    RispondiElimina
  13. bravissima!!! anche noi avevamo un lievito madre che dopo circa un anno di felice permanenza insieme a noi ci ha lasciato. Appena la piccola Cattelina si fa più grande ci riproviamo!
    bacioni grandi
    ficoeuva

    RispondiElimina
  14. bellissima! immagino quanto sia buona!!
    A presto :)

    RispondiElimina
  15. a me sembra perfetta, passa 2 fettine...grazie!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  16. Paoletta è una garanzia è certo ma devo dire che ti è venuta una meraviglia!!!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  17. adoro le pizze, sarà che mezzo del mio dna è campano ma quando ne vedo una la mangerei subito, ne è rimasta una fettina? un bacione....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...