martedì 6 novembre 2012

Pollo all’arancia con riso pilaf (Havov pilaf)



Reduce da una vacanza in Turchia (e negli anni precedenti in Grecia), quando ho avuto tra le mani il bellissimo libro di Verjin Manoukian (con fotografie di Armen Casnati) “Anoush Linì! Ricette e tradizioni della cucina armena”, edito da Trenta Editore, beh…che gioia! La cucina armena può essere considerata la più antica delle cucine mediterranee e nelle pagine del libro si ritrovano piatti, ingredienti e preparazioni che hanno caratterizzato le nostre cene in Turchia o in Grecia (molte ricette sono proprio dell’Anatolia Orientale). Le melanzane, i pani tipici lavash e P’idé, i Simit’, l’Hummus, la crema di melanzane e feta, gli  involtini di foglie di vite (dolmà), salsa di yogurt all’aglio, Su beorék (sfoglie al formaggio), Mante (“ravioli” di carne spolverati di sumak) e via così. Partendo dunque da un tradizionale augurio (quello del titolo, “anoush linì!”, che significa “sia dolce”, che spesso accompagna le situazioni conviviali armene), grazie alle ricette di Verjin (che mi hanno conquistata) si arriva dritti al cuore di questo  popolo che vive ai piedi del monte Ararat, nella terra del giardino dell’Eden, dove tutto è nato. La prima ricetta che ho scelto di provare è questo profumatissimo pollo all’arancia con riso pilaf: tutti sanno che il pilaf, nella sua forma più semplice, serve come contorno che può accompagnare qualsiasi piatto di carne o verdure e nelle grandi occasioni può diventare un pasto unico completo e soddisfacente. Ma lo sapevate che la stessa reputazione di buona cuoca che la donna di casa armena si può conquistare è legata alla varietà e alla qualità dei pilaf che sa preparare e presentare agli ospiti? Io no! Via libera ai pilaf di tutti i generi, allora!

Pollo all’arancia con riso pilaf (Havov pilaf)

Ingredienti (per 2):

200 g di riso basmati
1 arancia grossa
Olio extra vergine di oliva
1 dl di acqua
1 scalogno
400 g di petto di pollo
1 cucchiaino di succo di limone
2 cucchiai di aceto
1 cucchiaio di zucchero bio
Sale e pepe
paprika

Grattugiare la scorza dell’arancia e tenerla da parte. Dopodiché tagliare l’arancia al vivo, dividerla in 4 parti e farla andare in padella con 2 cucchiai di olio. Aggiungere l’acqua e far cuocere a fuoco lento per 20 minuti. Tagliare il pollo a striscioline o piccoli pezzetti. Far scaldare in un’altra padella 2 cucchiaio di olio e far soffriggere lo scalogno tagliato sottile. Alzare la fiamma e aggiungere il pollo, facendolo dorare da tutti i lati. Salare. Versare il succo di limone e mescolare. Togliere dal fuoco le arance, tagliarle a pezzetti e aggiungerle (con il “sughetto” che si sarà formato nella padella) al pollo e rimettere sul fuoco, aggiungendo lo zucchero mescolato all’aceto. Far cuocere per 15 minuti, regolando di sale e pepe. Intanto cuocere il riso basmati nel modo preferito (io ho fatto fondere poco burro in una casseruola, ho fatto tostare il riso, ho aggiunto un po’ meno di mezzo litro di acqua bollente e ho fatto cuocere per 18 minuti) e profumarlo con la scorza d’arancia grattugiata. Servire il pollo all’arancia spolverato leggermente di paprika, accompagnato dal riso pilaf.

p.s. E questa è la bellissima copertina del libro di Trenta Editore...


14 commenti:

  1. un piatto speciale nalle sua semplicità, mi ha rapito perchè adoro il riso come contorno e il pollo all'arancia so già essere favoloso! presentazione perfetta!

    RispondiElimina
  2. wow ha un aspetto delizioso e deve essere un po' agrodolce!

    RispondiElimina
  3. Questo libro mi ha conquistata, deve essere cosi ricco di ricette antiche e piene di sapori e spero che ne pubblichiate ancora altre saporite e gustose come questo pollo che trovo davvero appetitoso con il riso poi eccezionale e profumatissimo!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  4. Decisamente ricercato questo riso! sapori dolci e freschi, per un piatto unico davvero particolare e tutto orientale!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Che colori, che bontà e che meraviglia di cucina quella armena!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  6. Colore, profumo, un bellissimo e avvincente racconto...insomma che bella questa ricetta. Semplice e particolare. Mi piace!!

    RispondiElimina
  7. quel libro sarà ail mio prossimo acquisto appena ho messo da parte soldini a succienza! Mi incantate sempre ragazze mie!
    un bacio grande!!

    RispondiElimina
  8. ricettina chic (e poi quando parli di viaggi sai che mi coinvolgi pienemente eheheheh) e quel libro, non lo conoscevo, vado subito ad ordinarlo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. Mi piace!!!!! E mi piace questo libro è già nella mia lista dei desideri :-))))
    Baci caramboline!

    RispondiElimina
  10. in tanti ho sentito dire che e'piaciuto questo libro...mmm, devo dire che si puo'mettere in lista per Babbo Natale!

    RispondiElimina
  11. Interessante questo libro! E la ricetta è meravigliosa: mi è venuta una fame!! :)
    Un bacione

    RispondiElimina
  12. Che ci fossero così tante varietà di pilaf mi era sconosciuto ma la ricetta presentata e la copertina di quello splendido libro mi hanno catturata. Aspetto altre proposte e complimenti per la scelta del libro.
    Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
  13. Buonasera care Simona e Sonia!! :)
    Ho gironzolato un pochino nel vostro blog e devo dirvi che mi piace moltissimo!! :)
    Complimenti per le gustosissime ricette, per le bellissime foto che rendono più che giustizia ai vostri piatti e per il magnifico modo con il quale riuscite a rendere ogni vostro post, un piccolo viaggio da vivere insieme :)
    A presto, Giada.

    http://sorbettoalimone.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...