martedì 23 ottobre 2012

Ravioli alla zucca su fonduta di Sbrinz e chips di zucca



Della serie “non si finisce mai di imparare”… voi lo sapevate che lo Sbrinz è il formaggio più antico d’Europa? Viene prodotto addirittura da cinque secoli nei cantoni della Svizzera centrale. L’ho scoperto grazie al Contest “La Svizzera nel piatto”, che ci ha permesso di conoscere più da vicino i formaggi svizzeri, senza dubbio una delle “eccellenze” dei Ventisei Cantoni: nove formaggi particolari, ciascuno con un diverso carattere poiché lavorati con il latte dei pascoli di zone differenti. Uno di questi, lo Sbrinz, è un buonissimo formaggio DOP (Denominazione di Origine Protetta) a pasta extradura, davvero interessante in cucina: si prepara con latte vaccino fresco non pastorizzato di mucca e grazie a un periodo di stagionatura e maturazione di almeno 16 mesi acquisisce una consistenza particolarmente friabile, è facilmente digeribile e ricco di elementi nutritivi. Io me ne sono innamorata subito, fin dal primo assaggio, con quelle sue belle note piccanti… Ho pensato di usarlo per re-interpretare una classica ricetta della mia famiglia, tipica della tradizione gastronomica lombarda: i ravioli di zucca. Mia nonna è mantovana e da bimba, confesso, non mi piacevano. Troppo “strani” per i miei gusti di allora. E invece adesso…li adoro! Quando mia nonna li prepara per me è una festa. Ovviamente li faccio spesso anch’io ma i miei non sono buoni come i suoi. Questa versione arricchita da una fonduta di Sbrinz allo zafferano e da gustose chips di zucca…devo ammettere che non è male: la preparazione è lunghetta ma...ne vale la pena!

Ravioli alla zucca su fonduta di Sbrinz e chips di zucca

Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta:
3 uova
300 g di farina
sale

Per il ripieno:
500 g di zucca cotta
50 g di amaretti tritati fini
100 g di Sbrinz grattugiato
noce moscata
sale e pepe

Per la fonduta:
200 ml di latte
150 g di Sbrinz
mezza bustina di zafferano
mezzo cucchiaino di maizena

Per condire:
burro q.b
salvia
Sbrinz grattugiato q.b.

Per le chips:
un pezzetto di zucca (cruda)
farina
olio evo
sale

Tagliare a pezzetti lo Sbrinz e metterlo in una ciotola con il latte. Preparare la pasta dei ravioli nel modo tradizionale: fare la fontana con la farina e, nel “buco”, inserire le uova e un pizzico di sale. Sbattere le uova con la forchetta, prelevando un po’ alla volta la farina, dopodiché impastare a mano fino a formare una palla abbastanza elastica. Lasciare riposare la pasta una mezz’oretta, coperta.
Nel frattempo preparare il ripieno: in una ciotola mescolare la zucca cotta, lo Sbrinz grattugiato, gli amaretti ridotti in polvere, una grattata di noce moscata, sale e pepe.
Stendere la pasta dei ravioli con la macchinetta e ricavarne delle strisce. Disporre del ripieno di zucca a mucchietti distanziati su una striscia di pasta e sovrapporvi un’altra striscia. Far aderire le due strisce e con l’aiuto di un tagliapasta, “confezionare” i ravioli. Far cuocere i ravioli in acqua bollente salata. Mentre i ravioli sono in cottura mettere sul fuoco il formaggio con il latte e far fondere, aggiungendo lo zafferano e aiutandovi con mezzo cucchiaino di maizena fatta sciogliere a parte in un po’ di latte. Preparate intanto anche le chips di zucca, semplicemente tagliando a fettine sottili della zucca, che poi passerete nella farina e friggerete in olio caldo. Tenetele da parte.
Una volta lessati in acqua salata, scolare delicatamente i ravioli pochi per volta e metterli in una zuppiera: condirli con un po’ di burro fuso (che avrete fatto fondere in un pentolino con delle foglioline di salvia) e una spolverata di Sbrinz grattugiato, poi scolare altri ravioli e procedere a “strati” (in questo modo si eviterà di dover mescolare i ravioli, rischiando di romperli).  Versare della fonduta sul fondo dei singoli piatti, aggiungere i ravioli conditi, completare con le chips di zucca e servire con un’ultima spolverata di formaggio grattugiato e una spolverata di noce moscata.

Con questa ricetta partecipiamo al bel Contest del blog Peperoni e Patate della dolce Tery “La Svizzera nel piatto” in collaborazione con il Consorzio Formaggi della Svizzera:


19 commenti:

  1. Io adoro, ma veramente ADORO i ravioli di zucca....ricordo un week end a mantova tanti (troppi) anni fa...mi sono uccisa di ravioli per tre giorni! Con la fonduta allo Sbrinz devono essere eccezionali!
    Io devo darmi una mossa per il contest...son sempre la piu' indietro!!!!
    Un abbraccio!
    Paola

    RispondiElimina
  2. Ed effettivamente questo post me l'ero perso! E visto la bellezza del piatto sarebbe stato un vero peccato!
    Di stagione, della tradizione, con una nota speciale in più e il ricordo di famiglia a scaldare il tutto, direi che questo piatto è perfetto!

    RispondiElimina
  3. mi sa che ne vale la pena davvero!!!!quella fonduta fa una gola :D
    baci ^_^

    RispondiElimina
  4. Eh no, non lo sapevo! Grazie per averlo condiviso con noi! :)
    E che splendida questa ricetta: amo la zucca e in questo piatto, con certi accostamenti, è divina! :)

    RispondiElimina
  5. Ciao...appena giunta qui e mi piace , mi piace!!
    Mi fermo con i vostri lettori fissi così non mi perdo i vs post!
    Ottima questa ricetta ed ho già sbirciato anche le deliziose polpettine al miglio..che brave!
    ..adesso faccio un bel 'giretto' qui dentro!
    A presto, Roberta
    ..se vi va sono qui: http://facciamocheerolacuoca.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. io adoro i ravioli e con questa bella presentazione e buon gusto ancor di più, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. per fortuna che i gusti cambiano! il tuo piatto è bellissimo e invitante! :-)

    RispondiElimina
  8. La zucca la sto ancora studiando, ci stiamo prendendo le misure per capire se è possibile diventare amiche. Questa è la ricetta perfetta per me, mi incuriosisce l'accostamento con lo Sbrinz.

    RispondiElimina
  9. ma qui siamo di fronte ad un piatto di alta cucina!!!!!!! :) mi fa sorridere il commento di Vera sopra, anche io e la zucca abbiamo avuto varie vicissitudine prima di scoprirci buone amiche :)

    RispondiElimina
  10. wow che piatto coi fiocchi!!!! e come dicono le due sopra pure io con la zucca ho un rapporto di amo odio!!! un bacione

    RispondiElimina
  11. E' un pullulare di ricette con le bandiere...ma che belli questi ravioli. Anch'io sono del gruppo....ma quanto saranno buoni quei formaggi? Ciao a presto

    RispondiElimina
  12. Un piatto davvero ben strutturato, mi piace moltissimo!

    RispondiElimina
  13. antico o no...io dico che e'strabuono e che e'finito subito a casa mia!anche io abbinato alla zucca e devo dire accoppiata vincente!

    RispondiElimina
  14. Delle due ricette che avete pubblicato con i formaggi svizzeri non saprei se scegliere quella innovativa oppure questa legata alla tradizione,si possono avere entrambe?:-D
    Rita

    RispondiElimina
  15. Ricetta fantastica come sempre! Poi lo sbrinz è uno dei miei formaggi preferiti, quindi quoto questa preparazione!
    ciao e buona notte,
    ficoeuva

    RispondiElimina
  16. Che dire ogni volta aprire il vostro blog mi riempie gli occhi di bontà!!! Questo piatto è semplicemente divino!! Baci, Imma

    RispondiElimina
  17. che peccato non essere riuscita a partecipare...adoro i formaggi svizzeri e anche la vostra proposta, ragazze!
    Fa venir fame anche a quest'ora.............
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  18. ebbene...no! Non sapevo un monte di cose, mi vergogno ma...ora le sooooooo!
    :****
    grazie assai per la condivisione di momenti di infanzia e di questa ricetta arricchita :*
    Cla

    RispondiElimina
  19. E no che non lo sapevo, ma con questi ravioli io potrei svenire ragazze!!!!!! E' uno spettacolo di sapori lo sapete vero????? E grazie come sempre per le belle parole che mi regalate, davvero... Un bacione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...