martedì 10 aprile 2012

Dolci di primavera (con Maurizio Santin!)



Quando io e Sonia abbiamo letto il programma non abbiamo esitato mezzo secondo: non possiamo non iscriverci subito! Stiamo parlando del corso “Dolci di primavera di Maurizio Santin”, organizzato il mese scorso da Incontri con lo chef. Potevamo mancare? Ovviamente no. Ed è stata una bellissima esperienza, per vari motivi. Primo fra tutti: vedere all’opera il grande pasticcere è uno spettacolo che di per sé vale il prezzo del biglietto. I gesti, l’occhio, la fusione dei composti, la presenza scenica… C’è molto da imparare anche solo a guardare: azioni, sequenze, movimenti. Ed ecco i dolci che abbiamo preparato: Pina colada, Profitterol, Torta della Nonna, Torta pere e cioccolato, Val-cher. Non lasciatevi ingannare dai nomi “classici”: vi diciamo subito che sono tutte “sue” personalissime e originalissime rivisitazioni di sapori noti. Come il Profitterol, che si presenta in realtà sotto forma di zuccotto: si fodera con una ganache montata (al cioccolato) lo stampo, si riempie di choux alla crema pasticcera, si completa con una ganache spumosa per riempire bene gli spazi, si congela, si sforma la semisfera, si ricopre di glassa al cacao e si posiziona su un disco di crumble preparato con burro, zucchero, farina e farina di mandorle. Vogliamo parlare della bontà di questo “Profitterol”? Lo chef ha definito “orgasmo culinario” la ganache montata di questo dolce e vi assicuriamo che non esiste definizione migliore! 

E che dire della Torta della Nonna (sempre versione Santin)? DIVINA! Lo chef ha pensato di proporla preparando un fondo di pasta frolla classica, a cui sovrappone un disco di pan di spagna bagnato con rhum, a cui aggiunge dei pinoli e un disco di cremoso soffice alla vaniglia, per poi chiudere il tutto con un disco di frolla bretone spolverizzato di zucchero a velo. La Pina colada è un dolce intrigante, servito nel bicchierino: si prepara un biscotto morbido al cocco (posteremo presto la ricetta…è da urlo anche da solo!), si completa con una mousse spumosa di cioccolato bianco profumata al lime, poi gelatina di ananas e rhum. Passiamo alla Torta pere e cioccolato: Santin ha preparato un pan di Spagna alla cannella, bagnato con sciroppo e grappa di pere, sul quale ha posizionato le pere cotte tagliate a fettine e completato con un cremoso di cioccolato e pere (realizzato con crema inglese), servendo il dolce su un disco di crumble al cacao…Chapeau! E per finire…la Val-cher. Ovvero la Sacher secondo Santin: una Sacher della Valtellina. Si prepara una base-Sacher, si bagna con sciroppo al Braulio, si ricopre con marmellata di mirtilli e si completa con ganache spumosa. Di una bontà…rara! Io, Sonia e Nicoletta siamo uscite da questo corso con la voglia di chiuderci in casa a tentare di rifare tutti i dolci, per lasciare a bocca aperta (si spera…) i nostri amici davanti a queste opere d’arte. Bravo, Maurizio!



p.s. Volevamo ringraziare tutti coloro che in questi giorni hanno inviato via posta elettronica (alberodellacarambola@yahoo.it) le proprie creazioni a base di Quaglie&Asparagi per il nostro Contest “La sfida del 2”, di cui sarà giudice niente meno che Claudio Sadler! Aggiorneremo presto l’elenco e nel frattempo invitiamo anche le food blogger a partecipare…La scadenza è il 30 aprile…ma siamo curiosissime!!!


21 commenti:

  1. Santin è un grande maestro e per chi ama la pasticceria come me essere li sarebbe stato un sogno!!!Mi sto organizzando per il contest anche se questi due ingredienti sono un po complicati da abbinare per me perche uso pochissimo le quaglie ma ci metterò tanto impegno promesso e ci sarò!!!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  2. wow che meraviglia!! sono rimasta a bocca aperta leggendo il vostro racconto... esperienza indimenticabile!! :O

    RispondiElimina
  3. mamma sono svenuta solo a leggere le vostre descrizioni!!! fate presto a postare le ricette!!

    RispondiElimina
  4. che goduria davvero... tutte interessantissime queste versioni dei cugini dolci più classici... mi lascia solo un po' perplessa la bagna al braulio, ma mi fido del vostro giudizio! la pere e cioccolato in particolare la vorrei proprio provare

    RispondiElimina
  5. ho avuto molto la tentazioen anche io ma non pposso sempre muovermi per cui ho dovuto rinunciare ma come vedo nelle foto...motlo a malincuore!..in settimana la mia ricetta per voi!

    RispondiElimina
  6. Yummy...meravigliosa quella bombona al cioccolato...!...Ottima scelta quella di correre a fare i dolci con Santin!!

    RispondiElimina
  7. Caspita che bello!!!!! Con il mago dei dolci!!!!! Per il contest in questi giorni mi sono "menata via" come hai potuto leggere ma devo rimettermi un sesto! Baci

    RispondiElimina
  8. Bellissima questa esperienza golosa con Santin!!!!!la ricetta per il vostro contest sta prendendo forma nella mia mente poi passerò alla realizzazione. baci.
    p.s. ho letto che ci sarete anche voi il 22 a Torino con Nicola Batavia...non vedo l'ora!!

    RispondiElimina
  9. Caspita.. che pagherei.. con Santin!! fantastico.. tanta sana invidia ora!!! che bello!!

    RispondiElimina
  10. care ragazze spero anch'io di incrociarvi prima o poi, il 22 a Torino non ce la faccio... sarà per il prossimo corso di Santin ...

    RispondiElimina
  11. dovevo saperlo che quando sono a dieta non devo passare a leggere di dolci meravigliosi....vabbè,mi trattengo ....un abbraccio..

    RispondiElimina
  12. Posso dirlo??? Vi invidio!!!!

    Comunque invidia a aparte, oggi sono andata ad ordinare le quaglie...nessuna idea , ma molta voglia di mettermi in gioco, quindi aspettatemi!!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  13. Gentili Signorine, con la presente vorrei esprimere tutta la mia più sincera e sana invidia per l'esperienza vissuta. E rosicando vivamente con la speranza di avere presto la stessa opportunità, simpaticamente vi saluto.
    Un bacione grande,
    Pat

    RispondiElimina
  14. Una bellissima giornata, invidia!!!! Quel profiterol mi garba da matti! :)

    RispondiElimina
  15. non ci avrei rinunciato neppure io! bellissimo corso!

    RispondiElimina
  16. Che bella esperienza. Chissà quante cose avete imparato e quanti spunti per le prossime ricette. Grazie per aver condiviso. Le foto dei dolci fanno davvero gola.

    RispondiElimina
  17. che bella lezione, con un pizzico di sana invidia, buon WE, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  18. che bella lezione. spero di partecipare al contest ciao a tutti

    RispondiElimina
  19. adoro il Maestro Santin :-)

    RispondiElimina
  20. Caspita che emozione deve essere stata....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...