domenica 26 febbraio 2012

Zuppa di topinambur con nido di catalogna spigata e burrata



Ieri sera dopo tanto tempo sono riuscita ad andare al cinema. Di solito ci vado 1 o anche 2 volte la settimana e quando salto il turno sento che mi manca. Quando poi esco dalla sala, come ieri sera, felice di aver visto un film che giudico tra i migliori dell'ultimo periodo sono ancora più soddisfatta. Sento davvero di essere entrata a far parte del magico mondo della macchina da presa. Il film in questione è The Artist (se non l'avete ancora visto ve lo consiglio), e per tutta la serata ho pensato alla genialità di ideare un film così e alla bravura degli attori. Provo un'invidia pazzesca per chi nasce con un "talento" o una "capacità" al di sopra di tutti gli altri, chi nasce con una voce pazzesca, chi con un dono artistico di qualsiasi tipo, chi con delle doti umanitarie straordinarie. Insomma nascere e crescere consapevoli di aver quel qualcosa in più non deve essere male. Se mi venisse chiesto quale capacità vorrei avere non saprei cosa rispondere e voi? Mentre pensavo ai talenti del mondo mi sono consolata con questa zuppa che potrebbe sembrare troppo invernale per queste giornate meravigliose ma l'aggiunta della burrata rende il piatto sicuramente più fresco. 




Ingredienti:


500 gr di topinambur
2/3 scalogni
sale
catalogna spigata
burrata
2/3 acciughe sott'olio
olio

Mettete i topinambur puliti ma interi in una pentola con gli scalogni a pezzi e coprite con acqua. Fate andare finché le verdure sono tenere e alla fine salate. Con un frullatore ad immersione frullate tutto finché non risulta una crema omogenea. Se c’è troppa acqua di cottura meglio toglierne un po’ prima di frullare le verdure e conservarla per aggiungerla dopo se la zuppa dovesse risultare troppo densa.
Nel frattempo mettete in una padella le acciughe sott’olio  e aggiungete la catalogna  lavata e mondata, aggiungete un pò di acqua e fate andare con coperchio finché non sono cotte ma ancora croccanti.
Servite la zuppa di topinambur con un nido di catalogna al centro ed un pezzetto di burrata.

13 commenti:

  1. wow che cremosità e accoppiate eccezionali, mai assaggiato il topinambur...che grave mancanza!

    RispondiElimina
  2. il topinambur mi piace molto e lo preparo specialmente come contorno, ma questa combinata sembra proprio saporita! anch'io sabato al cinema ^___^ ciauzzzzz

    RispondiElimina
  3. Che dono mi piacerebbe? Il saper perdonare senza riserve... e ultimamente faccio tutto tranne che perdonare... ma passiamo oltre e andiamo alla crema di topinambur che trovo azzaccata a qualsiasi temperatura e poi con la burrata e la catalogna diventa molto originale! Baci

    RispondiElimina
  4. adoro il topinambur e nella crema x me non ha rivali!andrò a vedere il film!!!

    RispondiElimina
  5. wow...che squisitezza che hai prodotto..la voglio provare!

    RispondiElimina
  6. sul cinema stendiamo un velopietosoperche'non mi ricordo l'ultima volta che ci sono stata!;lla zuppa invece direi ottima e mi piace molto sia l'uso dei topinambour che da noi ci sono che della burrata che da nota al piatto

    RispondiElimina
  7. Questa zuppa deve essere deliziosa e come dici tu, l' aggiunta della burrata è quel tocco in più che la rende davvero speciale!! Adoro anche io andare al cinema anche se purtroppo quest' anno ci vado meno del solito!!! Meravigliose anche le foto!!! Un bacione e buona settimana...

    RispondiElimina
  8. Ma lo sai che io il topinambur credo di non averlo mai assaggiato!? eppure ogni volta che lo vedo mi intriga...chissà che sapore avrà! magari lo compro e provo questa tua ricetta, a giudicare dalla foto sembra deliziosa!

    RispondiElimina
  9. mai mangiato il topinanbur (mi dicono sia una specie di patata anche nel sapore)! Però con burrata e catalogna (che dovrebbe compensare il dolciastro del tubero) penso sia un ottimo abbinamento

    RispondiElimina
  10. Che buoni i topinambur, qui in piemonte li usiamo molto e io li adoro!! Con la burrata e la catalogna?? Ok, ho l'acquolina è ufficiale!!!Un bacione!Smack!

    RispondiElimina
  11. Amo il cinema appassionatamente, ed ultimamente ho visto un film che vi consiglio (the Artist ancora mi manca ma lo vedrò presto), che è il meraviglioso Paradiso amaro (The Descendents) con un incredibile George Clooney. Mi sono scoperta a piangere come una vite tagliata di fronte alla storia piccola di persone normali con drammi più grandi di loro ed ho pensato la stessa cosa: ci vuole arte, ci vuole creatività per emozionare. Non solo con il cinema, ma con qualsiasi manifestazione che tocchi la bellezza nella nostra vita. Il piccolo nido su un letto di velluto, che raccoglie quel cuore pannoso di burrata è di per se già un esempio di creatività meravigliosa capace di emozionare. Molto bello. Un bacio, Pat

    RispondiElimina
  12. mmm mi intriga tantissimo questa ricetta cosi ricca e gustosa e la burrata regala di sicuro un tocco in piu!!!questo film mi incuriosisce molto mi sa che ci faccio un pensierino!!baci,Imma

    RispondiElimina
  13. Hai scattato delle bellissime foto. Complimenti.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...