martedì 8 febbraio 2011

Crostata meringata al limone





Weekend, dolce weekend…Ormai per me la domenica è il giorno degli esperimenti più golosi. Per la prima volta mi sono cimentata in una crostata meringata, un dolce che mi ha sempre terrorizzata…ma stavolta non ho avuto esitazioni. Ho seguito una ricetta trovata su una rivista, credo un vecchio numero di Donna Moderna: custodivo da tempo il ritaglio nel mio quadernetto delle ricette “da provare al più presto”. Sono sicura di avervi già parlato della mia mania di strappare le ricette che mi incuriosiscono dalle riviste prima di buttarle…con il risultato che ho pezzi di giornale ovunque, sparsi in borsa, tra i libri, nell’agenda, sulla scrivania dell’ufficio, nel portafoglio…persino in mezzo agli esami medici – l’altro giorno ho portato dal medico degli esiti da controllare e in mezzo a questi troneggiava un articolo dedicato alle ricette con la zucca - …non vi dico la faccia del medico! Ma è una fissa, che ci posso fare?

Crostata meringata al limone

Ingredienti per la pasta frolla:
2 tuorli
100 g di burro morbido
200 g di farina
90 g di zucchero
un pizzico di sale

Per la crema al limone:
130 g di zucchero
3 tuorli
30 g di maizena
1 dl di succo di limone
1 dl di acqua

Per la meringa:
3 albumi
100 g di zucchero

Preparare la pasta frolla: lavorare insieme tutti gli ingredienti e compattarli velocemente fino a formare una palla. Stendere la pasta con il mattarello, tra due fogli di carta da forno, e rivestire uno stampo da crostata in silicone (prevedere dei bordi abbastanza alti). Mettere in frigorifero per un'ora. Prima di togliere lo stampo dal frigo, accendere il forno (a 200°, statico) e appena raggiunge la temperatura cuocere la crostata appoggiando lo stampo dal frigorifero direttamente sulla leccarda (che deve essere calda) con dei fagioli secchi appoggiati sopra un foglio di carta da forno o stagnola, per 20 minuti (gli ultimi 5 minuti proseguire la cottura con la crostata scoperta), controllando che il bordo diventi colorato. Mentre la crostata è in forno preparare la crema: mescolare lo zucchero con i 3 tuorli e la maizena, aggiungere a filo il succo di limone e l’acqua. Far cuocere la crema finché è abbastanza densa. Toglierla dal fuoco e lasciarla raffreddare qualche minuto. Intanto montare a neve ben ferma i 3 albumi con 100 g di zucchero. Versare la crema al limone sul guscio di frolla e ricoprire la crema con gli albumi montati a neve. Ripassare in forno per altri 5-10 minuti a 140°.  Una volta tolta dal forno, far raffreddare la crostata prima di sformarla. 

Con questa ricetta partecipiamo al Contest “Gli agrumi” del blog Il ricettario di Cinzia.




13 commenti:

  1. Meravigliosa, uno dei dolci che amo di piu'.
    E anche io condivido con te la mania delle ricette strappate, e conservate...ovunque :-)

    RispondiElimina
  2. Buonissima davvero! Quella delle ricette strappate, dei pizzini, delle foto raccolte e custodite è una abitudine anche per me! Io li chiamo appunti di viaggio, perchè spesso è fuori che faccio collezionismo :D un po' per non dimenticare un po' per ricordare!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. brava!un dessert semplice ma di grande bontà!

    RispondiElimina
  4. ..semplicemente meravigliosa.
    E per i ritagli di ricette... io ne ho un faldone pieno!! Ahahahhh come ci si somiglia, in questo mondo virtuale!

    RispondiElimina
  5. stessa mania e casa invasa da agende con dentro incollate ricette ritagliate da per tutto che poi puntualmente dimentico:D...goduriosa davvero questa torta è proprio l'ora giusta per un tè e una fetta di questa delizia!!baci imma

    RispondiElimina
  6. Avrei bisogno anch'io di mettere un po' di ordine tra le mille ricette che puntualmente appunto ovunque. Un po' vi invidio per quello che ho letto nella presentazione, in comune abbiamo solo la cucina sempre sottosopra!
    Bella ricetta! La inserisco tra quelle da provare: tranquille, non la perdo nel caos, il mio è solo un ordine sparso!

    RispondiElimina
  7. Anche a me la ....meringa sulle torte spaventa,a te è venuta un incanto......

    RispondiElimina
  8. Noto con piacere che la passione per i "ritagli" e gli "strappi" è comune :-) meno male...
    @elena: mi piace un sacco la definizione "appunti di viaggio"...
    @mari e fiorella: stavolta è andata bene con la meringa ma continua a farmi moooolta paura...non so quanti flop ho fatto!
    Un saluto a tutti gli amici della carambola, "vecchi" e nuovi!
    simo

    RispondiElimina
  9. Anche io scatole di ritagli e appunti su foglietti troppo stropicciati!!!
    Vado subito ad aggiungere la vostra deliziosa ricetta...Se preparate qualche altra meraviglia ricordatevi il mio contest.
    Grazie ^__^

    RispondiElimina
  10. E' una torta deliziosa,che conosco molto bene!Amo questo tipo di preparazioni ed oltre a presentarsi molto bene,hanno un gusto delicato e avvolgente!!
    Sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  11. Anche se questo dolce mi piace molto non l'ho mai preparato! Se stata molto brava complimenti! E se vogliamo parlare di ricette sparse..beh ne ho ovunque anch'io! Baci

    RispondiElimina
  12. questo è uno dei miei dolci preferiti!! ;) e anch'io ho mucchi di ricette disseminate! il bello è che riesco a capirle e trovarle nel casino!!

    RispondiElimina
  13. ahahahahah, si immagino la faccia del medico :D
    io adoro realizzare i dolci, mi sembra che dedicare del tempo a cucinare i dolci sia produttivo per l'anima e il cuore no? Il salato è più per la sopravvivenza ahahahah
    *
    cla

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...