venerdì 21 gennaio 2011

Castelmagno, zucca e riso




Io e Sonia siamo grandi fan di Davide Oldani e credo non sia necessario spiegarne i motivi. Ho avuto la fortuna di provare svariate volte la sua cucina e non mi ha mai delusa. Non ho la competenza e la tecnica per fornire una spiegazione “scientifica” alla mia passione per questo Chef: posso solo dire che…non mi ha mai lasciata indifferente! La sua ormai celebre cucina POP (che sta per popolare, semplice) punta decisamente alla qualità degli ingredienti, alla stagionalità. Come saprete, cucinare POP, per Oldani, vuol dire utilizzare le materie prima più umili per poi rielaborarle in modo nuovo e creativo. La cucina di Davide Oldani (e del D’O, il suo ristorante di Cornaredo) è una cucina bilanciata, che si basa sull’equilibrio dei contrasti, con un’attenzione assoluta ai tempi di cottura, cercando di non aggiungere grassi e condimenti ai piatti: è la cucina del “levare”, che elimina orpelli e arricchimenti. A cominciare dal soffritto. Ho voluto provare a preparare il risotto seguendo alcune indicazioni che Davide cita nel suo libro “La mia cucina POP”, ovvero niente brodo (solo acqua salata) e niente soffritto. Esperimento perfettamente riuscito…

Castelmagno, zucca e riso

Ingredienti per 2 persone:

160 g di riso Carnaroli
750 ml di acqua calda salata (io ho usato l’acqua di cottura della zucca)
40 g di Castelmagno
5 ml di aceto
sale
200 g di zucca

Tagliare a dadini la zucca e lessarla (non buttate l’acqua di cottura!).
In una casseruola far tostare il riso, bagnare poco alla volta con l’acqua nella quale è stata lessata la zucca e portare a cottura. Quasi a fine cottura aggiungere i dadini di zucca lessati e mescolare bene. Togliere dal fuoco e mantecare con il Castelmagno grattugiato, sale e aceto.

11 commenti:

  1. Forse con il formaggio che rende corposo questo riso il soffritto è superfluo... ma quello che mi lascia perplessa è l'uso dell'acqua al posto del brodo... insomma, quando si fa un bel risottino allo zafferano con il brodo di carne la differenza rispetto al brodo vegetale o di dado si sente moltissimo (in positivo) quindi per un risotto "scarno" di altri ingredienti non me la sentirei di sostituirlo! ma forse è solo un pregiudizio.
    detto ciò il tuo riso è moooolto invitante!!

    RispondiElimina
  2. da brava brianzolina e amante del riso, non riesco a immaginarmi un risotto senza soffritto e senza brodo perche' per tradizione si fa con questi ingredienti. Pero' non voglio fossilizzarmi sulle mie convinzioni e vedendo la bellezza di questo piatto che hai cucinato mi vien davvero voglia di provare!!!
    Grazie infinite per lo spunto!!!!
    Un abbraccio e buon fine settimana!
    Paola

    RispondiElimina
  3. io faccio spesso il risotto con acqua salata, senza preparare il brodo e ovviamente senza utilizzare il dado. All'eliminazione del fantastico profumo della cipolla soffritta, però, non avevo mai pensato,si deve proprio?
    Vabbè proverò.
    Kika

    RispondiElimina
  4. Complimenti ragazze, ho visto della vostra vincita sul blog Rossa di Sera, bravissime! Ottimo questo piattino, adoro la zucca, un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. bravissime! e complimenti per la vittoria :)
    il risotto è squisito.

    RispondiElimina
  6. Il Castelmagno è un formaggio buonissimo e questo risotto servito "all'onda" è perfetto!!! complimenti davvero, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  7. concordo con Luciana, è perfetto questo risotto! Un abbraccio...

    RispondiElimina
  8. ottimo il castelmagno, purtroppo un po' difficile da trovare nella mia zona !!
    ma penso sia un buonissimo accostamento con la zucca !

    RispondiElimina
  9. Questa è una ricetta vincente! Anche io da un pezzo, nel riso aggiungo acqua calda salata e niente brodo. ora voglio provare ad eliminare anche il soffritto.

    RispondiElimina
  10. @Lauradv e Paola: please, provatelo e poi ditemi... Vedrete come viene esalatato il sapore di tutti gli ingredienti e soprattutto del riso. Io ho usato un banale Carnaroli...ma il risultato è stato proprio convincente. Un saluto a tutte
    simo

    RispondiElimina
  11. purtroppo non ho mai provato la cucina di Oldani, anche se ne ho letto tanto, ma sono una fan della cucina del "levare". I miei risotti hanno sempre meno, ma non ho mai eliminato la cipolla, stufata nell'acqua e il vino per sfumare il riso...il giallo acceso del risotto è dovuto alla zucca?
    grazie.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...