giovedì 24 giugno 2010

Involtini al profumo di pesto



Cosa preparare quando non si ha molta voglia di mettersi ai fornelli, fa caldo ma urge un secondo da preparare in anticipo e proporre a una decina di amici per il pranzo (ebbene sì: c’è ancora di mezzo la nostra amata campagna!!!)? Ero attratta da un’insalata di pollo arricchita da zenzero, papaia e arachidi che avevo notato sul bellissimo libro “Fresh+Fast “ di Michele Cranston (Luxury Books), food writer oltre che food stylist e chef (la proverò presto!) ma ho invece optato per questi semplici involtini di roasbeef al profumo di pesto, che mi hanno incuriosita per l’insolito “ripieno”: un pesto…scomposto, in sostanza. La ricetta originale, che ho trovato su Sale&Pepe di giugno 2010, prevedeva anche delle scagliette di parmigiano reggiano da inserire negli involtini e da cospargere per guarnire il piatto ma a me sembravano già belli “sostanziosi” così e le ho omesse. Vedete voi. In ogni caso sono proprio buoni e sfiziosi e…profumano davvero di pesto!

Involtini di roastbeef al profumo di pesto


20 fettine di roastbeef tagliato non troppo sottile
4 cucchiai di pinoli
Un pezzo di pecorino fresco
Basilico
Olio extra vergine di oliva
Sale e pepe


Tostare i pinoli in un padellino. Stendere il roastbeef su un grande piatto o sul tagliere. Disporre al centro delle fette qualche fogliolina di basilico, 1 o 2 fettine sottili di pecorino (tagliate se riuscite dei rettangoli stretti ma lunghi, in modo che “sbordino” lateralmente dall’involtino) e qualche pinolo tostato. Condire con un pizzico di sale e pepe e un giro d’olio. Arrotolare le fettine di roastbeef formando 20 involtini. Disporli con cura in un piatto da portata oppure nei singoli piatti (tre involtini per persona) e cospargerli con fogliette tenere di basilico e qualche pinolo. Terminare con un filo di olio e un giro di pepe.

6 commenti:

  1. devono essere squisiti... quest'anno purtroppo niente roast beef ma solo carne cottissima che odio!!! mi rifarò da gennaio!

    RispondiElimina
  2. ciao simona, sono venuta anch'io a sbirciare dopo la tua visita, ho scoperto che siete in due, un saluto anche a sonia, è molto carino il vostro blog !!

    RispondiElimina
  3. @Micaela: sono certa che sia una "dolce" rinuncia! Ti potrai rifare certamente l'anno prossimo :-)
    @Carola: grazie della visita! Speriamo di vederti ogni tanto da queste parti...intanto abbiamo aggiunto il tuo blog ai nostri "Compagni di viaggio"!
    Un saluto caro a entrambe
    simona

    RispondiElimina
  4. veramente carina come idea, con il pesto destrutturato! la Cranston è davvero brava, mi piacciono molto i suoi libri!

    RispondiElimina
  5. adoro il pesto..:)e questa tua idea è veramente buonissima!:)brava!

    RispondiElimina
  6. Confesso che non conoscevo Michele Cranston ma questo libro mi ha folgorata! Foto stupende e ricette semplici e fattibili, con abbinamenti molto particolari. Presto proverò qualcosina :-)
    un saluto a tutti
    simona

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...