giovedì 1 aprile 2010

Spaghetti capperi e pangrattato



Voglio parlarvi di una ricetta di cui sono letteralmente in-na-mo-ra-ta! Mi piace il suo profumo, gli ingredienti, il modo in cui si prepara, la sua sicilianità, la semplicità e la velocità dell’esecuzione, che si traducono in un piatto per niente banale, che non lascia indifferente chi lo assaggia. Garantito. Un piatto che sa di Sicilia, di agrumi, di sole, di allegria. Gli ingredienti, poi, sono quelli che non mancano mai nella mia dispensa o in frigorifero: una ricetta che si può tranquillamente improvvisare, se ci viene voglia di qualcosa di sfizioso per cena. L’ho trovata sul sito del celebre chef Filippo La Mantia (www.filippolamantia.com/profilo.htm), personaggio da film che ha avuto anche un passato di fotoreporter.
E che definisce la sua cucina “un’allegra rappresentazione della Sicilia, piena di colori, di freschezza, di maliziosità, di sensualità e soprattutto di carattere”. Provate questi spaghetti e ne avrete la prova.
Una curiosità: la sera in cui io e Sonia abbiamo messo online “L’albero della carambola”, ci siamo trovate a casa mia all’ora di cena e ci siamo preparate questi spaghetti come piatto portafortuna per il nostro blog…

Spaghetti capperi e pangrattato

Ingredienti (per 2 persone):

160 g di spaghetti (o altra pasta, io ho usato spaghetti integrali)
un cucchiaio di capperi di Pantelleria sotto sale
50 g di pistacchi tritati
50 g di pinoli
2 cucchiai abbondanti di pangrattato
1 arancia bio
1 limone bio
50 g di uvetta
2 acciughe sott’olio
Olio extra vergine d’oliva

Mettere sul fuoco l’acqua per cuocere gli spaghetti. Nel frattempo, mettere a bagno l’uvetta in acqua tiepida. Versare in una padella abbastanza grande (che possa poi contenere anche gli spaghetti) un filo d’olio extra vergine d’oliva, scaldarlo a fuoco basso e unire le acciughe, mescolando per farle sciogliere. Unire i capperi dissalati (basta sciacquarli velocemente sotto l’acqua corrente), i pinoli (se volete potete farli tostare prima di unirli), l’uvetta (ben scolata e asciugata), i pistacchi tritati grossolanamente. Fate saltare un paio di minuti, quindi aggiungere una spolverata abbondante della scorza degli agrumi grattugiata, un cucchiaio di succo di limone e uno di succo d’arancia. Far amalgamare il tutto mescolando velocemente, dopodiché togliere dal fuoco e coprire la padella con un coperchio.
A questo punto versare il pangrattato in un’altra padella, aggiungere un filo d’olio e mescolare continuamente con una forchetta di legno. Quando sarà ben tostato, togliere dal fuoco.
Scolare la pasta al dente, ricordandovi di conservare un po’ d’acqua di cottura. Versare gli spaghetti nella padella con il condimento unendo, se occorre, l’acqua di cottura e far saltare per qualche minuto. Cospargere con il pangrattato tostato e servire immediatamente.

Postato da Simona.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...